Trying to get property of non-object [ On /var/www/virtual/jpop.com/public_html/generatrix/model/youtubeModel.php Line 63 ]
Undefined variable: cookie_headers [ On /var/www/virtual/jpop.com/public_html/generatrix/external/magpierss-0.72/extlib/Snoopy.class.inc Line 438 ]
Kalweit And The Spokes - JPop.com
Artist info
Kalweit And The Spokes

Kalweit And The Spokes

Kalweit And The Spokes


Kalweit and the Spokes è il nome del nuovo progetto della cantante di Minneapolis Georgeanne Kalweit, del batterista Leziero Rescigno e del chitarrista Giovanni Calella. Una sorprendente ricerca del diamante grezzo dei generi musicali, dall’ “old school blues” al folk, dall’alt-country al post-punk. Caratterizza il suono ed il mood creato attorno ad voce così intensa e inusualmente profonda come quella di Georgeanne. Le canzoni sono sentieri intricati Read more on Last.fm
Kalweit and the Spokes è il nome del nuovo progetto della cantante di Minneapolis Georgeanne Kalweit, del batterista Leziero Rescigno e del chitarrista Giovanni Calella. Una sorprendente ricerca del diamante grezzo dei generi musicali, dall’ “old school blues” al folk, dall’alt-country al post-punk. Caratterizza il suono ed il mood creato attorno ad voce così intensa e inusualmente profonda come quella di Georgeanne. Le canzoni sono sentieri intricati, reali o immaginari, talvolta ispirati da personaggi misteriosi e mitici come la diva del film muto Clara Bow (in “Clara Bow”) o da quadri di Edward Hopper (come in “New York Movie”). Tutto l’album, registrato a Milano nel Luglio 2008, è stato arrangiato da Leziero Rescigno e Giovanni Calella su testi e melodie di Georgeanne Kalweit. L’intera opera riflette la situazione socio-politica italiana ed americana, con riferimenti occasionali al “Far-west” come metafora di questi tempi nefasti. Per quanto I Kalweit and the Spokes provengano da diverse aree della scena musicale italiana (ad esempio La Crus, Amor Fou, Delta V, Vinicio Capossela) l’intesa tra i tre musicisti è stata immediata e le canzoni sono venute alla luce con molta naturalezza. Grazie all’esperienza dei singoli individui nel campo delle arti visive, il concerto è stato inoltre corredato da proiezioni scelte appositamente per accompagnare l’evocatività della performance, non intese però come supplemento, bensì come ingrediente imprescindibile per portare lo spettatore sempre più all’interno del mondo ricreato da suoni e testi. “Around the Edges”, la canzone che da il titolo all’album, è una confessione d’amore alla terra bruciata e semi-desertica del Salento, che tanto rimanda all’america del South-west. Read more on Last.fm. User-contributed text is available under the Creative Commons By-SA License; additional terms may apply..
Top Albums

show me more

showing 4 out of 20 albums
Shoutbox
No Comment for this Artist found
Leave a comment


Comments From Around The Web
No blog found
Flickr Images
No images
Related videos
No video found
Tweets
No blogs found